Abruzzo: concessione di contributi per investimenti realizzati a partire dal 24/08/2016

08-04-2019 11:26:55
La Regione Marche mette a disposizione 21,7 milioni di euro di aiuti alle imprese che realizzano o hanno già realizzato, a partire dal 24 agosto 2016, investimenti produttivi e che hanno sede operativa nei Comuni del cratere.
 
Possono partecipare al bando le imprese attive in qualsiasi settore economico, con esclusione dell’agricoltura primaria, della pesca e acquacoltura, per le quali sarà predisposto uno specifico Avviso Pubblico.
 
 
Gli investimenti ammisssibili, compresi tra gli importi di € 20.000,00 e € 1.500.000,00, possono riguardare:
 
a) il suolo aziendale e le sue sistemazioni: le spese relative all’acquisto del suolo aziendale e alle sue sistemazioni sono ammesse nel limite del 10% dell’investimento complessivo agevolabile;
 
b) le opere murarie ed assimilate nonché le infrastrutture specifiche aziendali, inclusi l’acquisto o la realizzazione di nuovi immobili o l’ampliamento di immobili esistenti, purché strettamente funzionali al ciclo produttivo caratteristico dell’impresa: le spese relative alle opere murarie e assimilate nonché alle infrastrutture specifiche aziendali sono ammesse come di seguito specificato:
 
– per i programmi di investimento aventi ad oggetto lo svolgimento delle attività turistiche sono agevolabili le spese di costruzione ed acquisto dell’immobile, ivi incluse le eventuali spese di ristrutturazione, nel limite massimo del 70% dell’investimento complessivo agevolabile;
 
– per i programmi di investimento aventi ad oggetto le altre attività economiche, sono agevolabili le spese di costruzione ed acquisto dell’immobile, ivi incluse le eventuali spese di ristrutturazione, nel limite massimo del 50% dell’investimento complessivo agevolabile.
 
c) i beni materiali ammortizzabili di qualsiasi specie funzionali al ciclo produttivo caratteristico dell’impresa, inclusi gli autoveicoli targati ad uso non promiscuo, in quanto strettamente necessari e funzionali alla attività di impresa.
 
d) i brevetti e gli altri diritti di proprietà industriali funzionali al ciclo produttivo caratteristico dell’impresa;
 
e) i programmi informatici esclusivamente connessi alle esigenze di gestione del ciclo produttivo caratteristico dell’impresa;
 
f) per le sole piccole e medie imprese, i costi relativi all’acquisizione di servizi di consulenza connessi al programma di investimento produttivo: tali spese sono ammissibili nel limite cumulativo del 10% dell’investimento complessivo agevolabile e comunque in misura complessivamente non superiore a euro 50.000,00.
 
Sono ammissibili anche i contratti di leasing, relativamente alla quota capitale dei canoni pagati nel periodo di ammissibilità.
 
 
Tipo di contributo:
 
Il contributo previsto è a fondo perduto (in conto capitale) pari al 50% dei costi ritenuti ammissibili entro il limite massimo di contributo e nel rispetto delle condizioni previste dai Regolamenti de minimis;
 

Scadenza:
 
25 maggio 2019- ore 12.00
GALLERY