Cosa sono i PIR?

16-11-2017 10:23:40
La legge di Bilancio 2017 (legge n. 232-2016) ha introdotto agevolazioni fiscali dirette a incoraggiare gli investimenti a lungo termine nelle imprese e in particolare nelle PMI, attraverso investimenti qualificati e Piani di risparmio a lungo termine (PIR), cioè contenitori di strumenti finanziari di diverso tipo - azioni, obbligazioni, fondi comuni eccetera - sottoscritti da persone fisiche.
 
Nel caso degli investimenti qualificati, le agevolazioni consistono nell'esenzione dall'imposta sul reddito per i redditi derivanti dagli investimenti detenuti per almeno cinque anni nel capitale di imprese, effettuati da casse previdenziali o da fondi pensione nel limite del 5 per cento del loro attivo patrimoniale; nel caso dei PIR si prevede l'esenzione fiscale per i redditi di capitale e i redditi diversi percepiti da persone fisiche residenti in Italia, al di fuori dello svolgimento di attività di impresa commerciale, derivanti dagli investimenti effettuati nei Piani di risparmio.
 
Esistono, tuttavia, una serie di condizioni da rispettare per ottenere l'esenzione fiscale:
 
-gli strumenti finanziari in cui è investito il PIR devono essere detenuti per almeno 5 anni;
-la soglia massima di investimento è di 30mila euro all'anno, per un valore complessivo non superiore a 150mila euro;
-almeno il 70 per cento del valore complessivo deve essere investito in strumenti finanziari emessi da aziende italiane o europee con stabile organizzazione in Italia, escluse le imprese che operano nel settore immobiliare; di questo 70%, poi, almeno il 30% del portafoglio deve essere investito in titoli emessi da aziende non presenti sull’indice FTSE MIB di Borsa Italiana o su altri indici equivalenti di altri mercati regolamentati.
-non è possibile investire una quota superiore al 10 per cento del totale negli strumenti finanziari di uno stesso emittente o stipulati con la stessa controparte o con altra società appartenente al medesimo gruppo.

I risultati della misura hanno superato le stime iniziali del Governo, che erano pari a 2 miliardi di euro: con 44 fondi PIR compliant attivi sul mercato, nei primi 9 mesi dell'anno sono stati raccolti circa 5 miliardi di euro. L'obiettivo per tutto il 2017 è stato portato quindi a 10 miliardi di euro.
GALLERY